GREENPEACE VS ENEL [TRE VITTORIE CHE CI PIACCIONO. PART#1]

Vi ricordate la campanga facciamolucesuenel? Se non ne siete a conoscenza, guardate un po’ questo link. La preparazione verso futuro ecosostenibile e rinnovabile, passa anche attraverso lo scontro dialettico e la diffusione delle informazioni senza giri di parole. Enel non riesce a fornire un contraddittorio ai dati forniti dall’inchiesta di Greenpeace sulle centrali a carbone, e scatena così i suoi avvocati nei contro gli attivisti verdi.

Il giudice, però, capisce che quella in questione non è una campagna diffamatoria, ma è “commisurata all’evidenza dei dati scientifici che dimostrano gli impatti del carbone sul clima e sulla salute umana”. L’azienda italiana non è in grado di smentire i dati presentati dall’inchiesta,  quindi il sito quindi non chiuderà e Enel dovrà pagare le spese processuali.

Annunci